Menu principale
In evidenza
Banner Torino 2019
banner Adesioni 2020
Banner Giovani
BANNER 5X1000
banner facebook
Newsletter
Area riservata
News
PrintE-mail

ANDRIA Agguato al parco giochi: anche il Meic in marcia per la legalitÓ

01 Luglio 2019

Immagine

C'è un silenzio che uccide. Ma c'è anche un silenzio che risveglia la vita. Ed è per promuovere questo "silenzio vivo" che lunedì prossimo, 1° luglio, a partire dalle 20.30, si terrà ad Andria una marcia silenziosa per la legalità. L'iniziativa - promossa dal Forum di formazione all'impegno sociale e politico della diocesi di Andria "per gridare ad alta voce da che parte stare" - vuole essere una risposta concreta agli ultimi gravi episodi di violenza in città. Lunedì scorso, alle 21.40, a ridosso del parco cittadino, due uomini a volto coperto, in sella a uno scooter, hanno ripetutamente sparato contro due uomini. Uno di loro è morto, l'altro è rimasto gravemente ferito. "Quando la criminalità spara innanzi a bambini e genitori, in luoghi abitati dall'ordinaria quotidianità - affermano gli organizzatori della marcia - mostra alla società che è più forte delle istituzioni. Lancia un segnale chiaro e forte: qui comandiamo noi. Una sorta di braccio di ferro tra l'illegalità e la legalità. Ora tocca alla parte buona della città prendere posizione e sollevare il vento della legalità lungo le strade della nostra amata Andria". La marcia per la legalità - sostenuta dal vescovo mons. Luigi Mansi e promossa di concerto con il Meic di Andria, l'Azione Cattolica diocesana, la biblioteca S. Tommaso d'Aquino e l'Ufficio di pastorale sociale e del lavoro - prenderà il via da piazza Umberto I e alle 21.40 (all'ora in cui c'è stata la sparatoria) il gruppo farà sosta davanti all'ingresso principale dello stadio cittadino e si fermerà sul luogo della sparatoria, dove sarà un letto sull'impegno civico e sulla legalità. "L'invito - sottolineano gli organizzatori - non è rivolto solo alle associazioni ecclesiali, ma anche alla realtà extra-ecclesiali, movimenti e associazioni del territorio, nonché a tutti i liberi cittadini e cittadine. Non si può essere indifferenti!".

(fonte: Agensir)