Menu principale
In evidenza
Banner Torino 2019
banner Adesioni 2020
Banner Giovani
BANNER 5X1000
banner facebook
Newsletter
Area riservata
News
PrintE-mail

Don Enzo Bellante il nuovo assistente nazionale del Meic

24 Maggio 2019

Immagine

Il Consiglio permanente della Cei ha nominato don Innocenzo Bellante nuovo assistente nazionale del Meic per il prossimo triennio. Succede a monsignor Giovanni Tangorra, che aveva terminato il suo secondo mandato.

Don Enzo (come viene chiamato) ha 74 anni e appartiene al clero dell'arcidiocesi di Monreale. Il prossimo 28 giugno festeggerà 50 anni di ordinazione sacerdotale. Dall’ottobre del 2015 è parroco di Santa Teresa del Bambino Gesù a Monreale, ed è anche docente al seminario arcivescovile, di cui è stato rettore. Oltre che del Meic, sarà assistente nazionale anche del Mieac, il Movimento di impegno educativo dell'Ac.


IL SALUTO DELLA PRESIDENZA MEIC

Con grande gioia la Presidenza nazionale del Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale accoglie la notizia della nomina di don Innocenzo Bellante ad assistente nazionale del Meic, esprimendo la sua gratitudine ai Vescovi italiani per la paterna sollecitudine con la quale essi accompagnano la vita e le attività del Movimento.

La Presidenza, facendosi interprete di tutti i gruppi e gli aderenti al Meic, esprime sin da ora al nuovo assistente nazionale i più sinceri e cordiali sentimenti di fiducia e di incoraggiamento per questo impegno: per la sua sensibilità pastorale e per lo spessore culturale della sua preparazione egli saprà certamente offrire un contributo prezioso al cammino ecclesiale del Movimento, in una fedeltà sempre più matura e consapevole al Vangelo.

Al tempo stesso il Meic rivolge al carissimo don Giovanni tutta la sua gratitudine per gli anni, fecondi di iniziative, trascorsi insieme, per l’amicizia e per gli insegnamenti che ha ricevuto da lui. La sua parola e la sua compagnia sono stati un dono fecondo di grazia, che ha dato e continuerà a dare al Meic  suoi  frutti.


LE PRIME PAROLE DEL NUOVO ASSISTENTE


IL RINGRAZIAMENTO DI DON GIOVANNI TANGORRA