Menu principale
In evidenza
banner facebook
BANNER CAMALDOLI 2018
BANNER CONVEGNO PRESIDENTI 18
Sito locale
Newsletter
Area riservata
News
PrintE-mail

Ma noi non siamo un Paese di pace

01 Gennaio 2018

Immagine

di BEPPE ELIA

La giornata della pace si accompagna in questi giorni con un dibattito sul commercio delle armi, che tocca direttamente il nostro Paese. A determinarlo non è stata la rivelazione di qualche realtà prima sconosciuta, perché si sa bene che in Italia vi sono fiorenti aziende produttrici di armi, come si sa che alla produzione è strettamente legato un mercato internazionale che non ha mai avuto crisi. E già nei mesi scorsi la ministra della Difesa aveva precisato che la vendita di materiale bellico costruito in Italia all'Arabia Saudita era avvenuta rispettando le regole internazionali.

A suscitare nuovi interrogativi e proteste è stata la denuncia del fatto che siano state fornite bombe che sono utilizzate per la terribile guerra in Yemen, in contraddizione con il divieto di vendere armi a Paesi in stato di conflitto.

Quello che trovo inquietante non è solo l'inefficacia di leggi che pure ci siamo dati, ma il fatto che, sbandierando una finta neutralità, l'Italia scelga di partecipare in modo sempre più attivo a questo commercio di morte. Se anche rispettassimo la legge 185, sappiamo bene, quando vendiamo bombe a qualcuno, che queste un giorno o l'altro saranno lanciate contro qualcosa o qualcuno.

E trovo sconcertanti alcune affermazioni a difesa di questo stato di cose: "Se non facciamo noi le armi, le farà comunque qualcun altro", o "il nostro Paese non può permettersi di rinunciare ad attività produttive proficue in tempo di crisi". Come dire: le guerre ci sono, e continueranno ad esserci, tanto vale trarne un beneficio per noi. Mi sembra una prospettiva disumana, indegna di un Paese che, in questi anni, è stato capace anche di scelte solidali e nel segno dell'accoglienza, a dispetto di un'Europa gretta.

C'è un secondo fatto che ha generato molte discussioni: e cioè la decisione del governo di inviare un contingente militare in Niger, finalizzato a contrastare il traffico di migranti. Non intendo negare che questo obiettivo sia giusto, ma in realtà esso viene perseguito con un'iniziativa che appare adeguata solamente a risolvere un nostro problema (evitare un massiccio arrivo di profughi, che non sappiamo affrontare in modo dignitoso), senza elaborare una vera strategia per evitare che queste popolazioni debbano porre a rischio le loro vite a causa di violenze, fame, malattie, nei luoghi in cui esse vivono o rinchiuse in centri di raccolta.

Il messaggio del Papa in occasione della giornata della pace indica stile e orientamenti che sembrano oggi molto lontani dalla sensibilità e dalle preoccupazioni dei popoli europei. Eppure la via della pace passa attraverso al nostro chinarsi verso donne e uomini che, magari a distanza di migliaia di chilometri da noi, hanno bisogno che ci prendiamo cura di loro.