Menu principale
In evidenza
banner facebook
BANNER PAOLO VI
BANNER CAMALDOLI 2018
Sito locale
Newsletter
Area riservata
News
PrintE-mail

"Dal Sud al Nord. Un'Europa aperta al Mediterraneo": il programma del Convegno nazionale di Caserta

01 Agosto 2016

Immagine

Il prossimo Convegno nazionale del MEIC si intitolerà "Dal Sud al Nord. Un'Europa aperta al Mediterraneo" e si terrà dall’11 al 13 novembre 2016  a Caserta.

In allegato è disponibile il programma, che include le indicazioni per la partecipazione.

Chiediamo a tutti di effettuare le prenotazioni al Convegno stesso entro il 12 settembre; e questo poiché dobbiamo comunicare con anticipo alle strutture ricettive che ci ospitano il numero di partecipanti. In particolare, per le prenotazioni effettuate dopo  quella data, l’hotel con cui abbiamo stabilito una convenzione non ci applicherà più le condizione economiche che abbiamo definito nel nostro accordo.

Per l'organizzazione del Convegno abbiamo ripetuto la metodologia adottata lo scorso anno a Milano, in cui il tema dell'iniziativa è stato indicato dai gruppi locali, che si sono assunti anche l’onere dell’organizzazione. 

in questa occasione sono stati i gruppi MEIC del Sud a formulare una proposta al Consiglio nazionale che si pone in continuità con le iniziative attuate negli ultimi anni attraverso il progetto Sud.

Il tema scelto intende affrontare alcune questioni particolarmente importanti per  le regioni meridionali, ma vitali anche per il futuro  di tutto il nostro Paese e dell’Europa.

Come vedete dal programma allegato il convegno si aprirà con una prolusione teologica sulla Laudato sì e con una relazione del Presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone; e si svilupperà su tre sessioni molto ricche di sollecitazioni e ci auguriamo anche di proposte. Tanti i relatori: tra gli altri, Fabrizio Barca, Carlo Borgomeo, don Tonino Palmese. 

Il Convegno quindi è rivolto a tutti i gruppi MEIC, per la rilevanza dei temi affrontati, ma anche per il significato che ha la scelta di Caserta, terra di grandi bellezze artistiche e di un ricco patrimonio di umanità, ma anche luogo in cui si manifestano gravi problemi sociali, in cui tutti ci sentiamo coinvolti.

Beppe Elia